Mauritania: il successo dell’intervento ICU

Intervento sanitario in MauritaniaA testimonianza della sostenibilità dei risultati di progetto dopo cinque anni dalla sua conclusione, pubblichiamo con gratitudine una lettera ricevuta in data 8 luglio 2019 dai dr Mariano Feccia e dr Marco Stefano Nazzaro, che hanno recentemente svolto una missione nel nuovo Centro Nazionale di Cardiologia mauritano. Il progetto di formazione realizzato dall’ICU dal 2012 al 2014 in collaborazione con il governo mauritano continua a produrre benefici, favorendo una crescita locale autonoma.


Roma, 8 luglio 2019

Oggetto: Aggiornamento sull’Auto-sviluppo del Centro Nazionale di Cardiologia Mauritano

Siamo felici di informarVi che a seguito dell’attività di formazione Cardiologica e Cardiochirurgica svolta nell’ambito del progetto di Cooperazione ICU/CNC tra il 2012 ed il 2014, il nuovo Ospedale dedicato alla Cardiologia del Centro Nazionale di Cardiologia Mauritano è pienamente operativo dalla fine dello scorso anno.

Il Centro ha 3 camere operatorie cardiochirurgiche ben attrezzate, 2 sale di emodinamica, terapia intensiva cardiochirurgica e cardiologica per un totale di 120 posti letto.  Rappresenta un’eccellente realtà ed e’ in piena crescita unico esempio nella regione, bacino di utenza oltre 5 milioni di persone.

Il programma di formazione da Voi avviato nel 2012 è continuato per quanto concerne la cardiologia interventistica con 2 Missioni l’anno negli ultimi 5 anni grazie ad una Convenzione tra il San Camillo Forlanini ed il CNC. Si e’ pensato di migliorare le competenze e le capacità locali realizzando uno scambio con 2 cardiologi Mauritani Emodinamisti che hanno trascorso 1 anno ciascuno di formazione al San Camillo Il primo nel 2014 Dr Sidi Mhamed Ould Ethmane (ora Responsabile dell’Emodinamica al CNC) ed il secondo al momento ancora in formazione fino al mese di agosto: Dr Elhadj Ahmed, entrambi ottimi professionisti. Un terzo giovane cardiologo Mauritano è in procinto di candidarsi.

 La notizia migliore comunque e’ la piena autonomia dello staff locale per quanto riguarda i gesti cardiologici interventistici ordinari. Nel primo trimestre del 2019 nel nuovo ospedale hanno trattato 349 pazienti 68 angioplastiche coronariche 1 dilatazione della mitrale e posa di sonde di stimolazione cardiaca.

Mentre nella Missione appena conclusa (23-30 giugno) hanno realizzato 48 procedure! di cui 38 angioplastiche coronariche complesse e 2 dilatazione di valvole, ed il team Cardiochirurgico (Dr Feccia) li aiutava nel realizzare 7 complessi interventi cardiochurgici, e gestione post-operatoria articolata, nonché numerose consulenze per altri pazienti rivalutando i protocolli di screening pre-operatori, il management operatorio e naturalmente post-operatorio.

Certi di fare cosa gradita alleghiamo la foto del nuovo ospedale che rappresenta un Eccellente risultato di attivita’ di Cooperazione Umanitaria da Voi avviata che ha dato i suoi frutti.

Cordialita’

Dr Marco Stefano Nazzaro                                                            Dr Mariano Feccia

Dirigente Cardiologo                                                                      Dirigente

Cardiologia Interventistica                                                             U.O.C. Cardiochirurgia e Trapianto Cardiaco

U.O.C. Cardiologia                                                                         AO San Camillo Forlanini- Roma

Azienda San Camillo Forlanini Roma

Condividi l'articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Leggi anche

5 Ottobre 2021

A Taste of Rwanda is a coffee competition organized by CEPAR (Coffee Exporters and Processors Association of Rwanda) to allow...

4 Giugno 2021

Il 2 giugno 2021 S.E. l’Ambasciatore presso l’Unione Europea in Ruanda, Nicola Bellomo, e il Capo della Sezione Sviluppo Rurale,...

8 Marzo 2021

Due anni fa, la mattina del 10 marzo 2019, dai cieli su Addis Abeba un Boeing 737 Max cadeva a...

Sostienici

FAI UNA DONAZIONE

Bonifico bancario
IBAN: IT05 P05387 03203 000001691409
SWIFT BIC: BPMOIT22XXX
Presso: BPER – Banca Popolare dell’Emilia Romagna
Addebito automatico su c/c bancario

* Le donazioni effettuate in favore dell’ICU sono fiscalmente deducibili