Giordania: mini-training di danza-terapia per fisioterapisti e operatori dei centri partner di ICU.

Il 18 e 19 agosto 2015 si è tenuto in Giordania, sia ad Amman che a Irbid, un mini-workshop di danza-terapia rivolto agli operatori dei due centri partner di ICU per il progetto di emergenza 100 Feet To Walk Towards Peace, finanziato dalla Cooperazione Italiana.

Il progetto mira a migliorare la risposta del sistema sanitario giordano nei servizi rivolti a individui con disabilità fisiche, ed in particolare a quelli con amputazioni agli arti inferiori.

ICU ha organizzato un piccolo training formativo “on-the-job” di due giorni per i fisioterapisti e psicologi che seguono i pazienti disabili nei centri partner Our Lady of Peace (Amman) e JOHUD-Basmaa Center (Irbid). Il mini-workshop è stato tenuto da Chiara Semeraro, proveniente da Milano, terapista qualificata nel metodo Fux, e ha visto l’attiva partecipazione di 9 operatori e di diversi pazienti.

La danza-terapia è una tecnica riabilitativa che consiste nell’utilizzo psicoterapeutico dei movimenti del corpo e della danza per rinforzare le funzioni mentali, emotive e motorie del paziente. Viene utilizzata in differenti ambiti clinici con finalità psicoterapiche e fisioterapiche. Dal momento che in Giordania questa tecnica non è ancora diffusa, l’obiettivo principale del workshop è stato quello di mettere gli operatori a conoscenza di nuove modalità per condurre la riabilitazione sia per amputati che per individui con altre disabilità psico-fisiche.

Il workshop si è svolto principalmente attraverso la diretta sperimentazione delle tecniche di fisioterapia su diversi gruppi. Nell’arco dei due giorni sono state eseguite tre sessioni di danza-terapia: la prima sugli operatori stessi, la seconda su un gruppo misto di bambini disabili e normodotati e infine l’ultima su un gruppo integrato di disabili, operatori e genitori, in cui i fisioterapisti e gli psicologi formati hanno potuto mettere in pratica le tecniche apprese sotto la supervisione della trainer. I momenti di formazione si sono conclusi con uno spazio dedicato a ulteriori approfondimenti, domande e impressioni da parte degli operatori e dei genitori dei bambini partecipanti.

Gli operatori formati hanno mostrato entusiasmo e un attivo coinvolgimento, esprimendo il desiderio di voler approfondire questa tecnica di riabilitazione per pazienti disabili. Inoltre, nonostante l’iniziale difficoltà ad uscire dagli schemi di fisioterapia tradizionalmente utilizzati, tutti i partecipanti hanno accolto le innovazioni con sincero interesse e serietà.

Condividi l'articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Leggi anche

31 Gennaio 2023

Il 17 gennaio 2023, l’Agenzia nazionale per la conservazione dell’energia, partner tunisino del progetto ESMES, ha lanciato le attività del...

30 Gennaio 2023

Fornitura di servizi sanitari di base in Libano Gara d’appalto REF Tender/02/PASs/ICU/20/01/2023 L’Istituto per la Cooperazione Universitaria – ICU Onlus...

19 Gennaio 2023

Beirut, Libano. Il progetto #RELIEF si è concluso dopo due anni di interventi volti a potenziare i servizi educativi e...

Informazioni anagrafiche

Indirizzo di Residenza

Formazione

Lingue

Selezionare le lingue parlate

Esperienza lavorativa

Esperienze precedenti con ONG/aziende private e istituzioni pubbliche

Caricamento file

Carica la tua lettera di presentazione
Carica il tuo CV aggiornato

Contatti

Sostienici

FAI UNA DONAZIONE

Bonifico bancario
IBAN: IT74 M0503403252 000000007392
SWIFT BIC: BAPPIT21AL0
Presso: Banco BPM – Roma ag. 52, Viale dei Parioli 39 e 37/B, 00197 Roma RM
Addebito automatico su c/c bancario

* Le donazioni effettuate in favore dell’ICU sono fiscalmente deducibili