Mauritania: bilancio di un anno

Si è da poco conclusa la prima annualità del programma di assistenza e formazione che l’ICU è stato chiamato a svolgere presso il Centro Nazionale di Oncologia, il Centro Nazionale di Cardiologia e la Scuola Nazionale di Sanità Pubblica di Nouakchott (Mauritania), e che è destinato a protrarsi sino al Novembre 2014. Si tratta di un progetto impegnativo che mira a promuovere e sviluppare in questo Paese Africano, sulle sponde dell’Atlantico, due settori strategici della Sanità moderna. Come in altri Paesi africani, infatti, con il progredire dei livelli di salute e delle condizioni di vita, nuove necessità sanitarie vengono a proporsi urgentemente e tra esse primeggiano i tumori e le patologie cardiovascolari.

Per rispondere a queste nuove esigenze occorrono non solo mezzi e strutture ma soprattutto risorse professionali. Quarantasei tra medici specialisti in Oncologia, Anatomia Patologica, Chirurgia, Anestesiologia, Ginecologia, Cardiologia, Chirurgia Cardiaca o Vascolare, Radiologia e Radioterapia oltre Infermieri e Tecnici si sono a oggi avvicendati nelle corsie, nelle sale operatorie e nelle aule didattiche della Capitale della Mauritania. Sono stati eseguiti oltre duecento interventi, spesso di elevata complessità e offerte oltre trecento prestazioni diagnostiche specialistiche a beneficio dei pazienti locali.

L’aspetto più rilevante del programma è stato tuttavia l’attività formativa. Oltre ai medici da addestrare alle più avanzate tecniche chirurgiche e diagnostiche in Oncologia e Cardiologia vi sono interi quadri tecnici e infermieristici da istruire. E’ sulle loro spalle, infatti, che grava il peso di un’assistenza al malato che si è fatta sempre più raffinata e che si avvale di tecnologie complesse.

Lo scopo di progetti sanitari come questo in corso non è, infatti, solo quello di portare il beneficio di cure mediche moderne a popolazioni che ne sono ancora prive. Ci proponiamo soprattutto di trasferire, con un paziente lavoro di affiancamento e con un rapporto personale rispettoso e attento, quelle competenze e quegli stili professionali che facciano realmente crescere nel Paese un sistema sanitario moderno, sostenibile, equo e accessibile, destinato a durare e funzionare anche dopo la fine del progetto e la partenza del personale sanitario dell’ICU.

Condividi l'articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Leggi anche

31 Gennaio 2023

Il 17 gennaio 2023, l’Agenzia nazionale per la conservazione dell’energia, partner tunisino del progetto ESMES, ha lanciato le attività del...

30 Gennaio 2023

Fornitura di servizi sanitari di base in Libano Gara d’appalto REF Tender/02/PASs/ICU/20/01/2023 L’Istituto per la Cooperazione Universitaria – ICU Onlus...

19 Gennaio 2023

Beirut, Libano. Il progetto #RELIEF si è concluso dopo due anni di interventi volti a potenziare i servizi educativi e...

Informazioni anagrafiche

Indirizzo di Residenza

Formazione

Lingue

Selezionare le lingue parlate

Esperienza lavorativa

Esperienze precedenti con ONG/aziende private e istituzioni pubbliche

Caricamento file

Carica la tua lettera di presentazione
Carica il tuo CV aggiornato

Contatti

Sostienici

FAI UNA DONAZIONE

Bonifico bancario
IBAN: IT74 M0503403252 000000007392
SWIFT BIC: BAPPIT21AL0
Presso: Banco BPM – Roma ag. 52, Viale dei Parioli 39 e 37/B, 00197 Roma RM
Addebito automatico su c/c bancario

* Le donazioni effettuate in favore dell’ICU sono fiscalmente deducibili